ancora sul Brasile

dal sito Corriere.it leggo questo lancio di agenzia su una dichiarazione del Presidente LulaLavoro: Brasile, Lula "un milione di nuovi posti" - Corriere della Sera_1253140136476un milione di nuovi posti di lavoro … dove ho già sentito questa promessa???

Annunci

alla faccia della crisi

Traffico cresciuto del 20-30 per cento.
In viaggio più di un italiano su tre
Nove milioni di auto sulle strade
Esodo, il record del decennio.
La polizia: non rientrate fra le 18 e le 22

Corriere.it

Solidarietà

Che persone generose che son gli italiani; non so se per antipatia personale o per grettezza d’animo, fatto sta che “indignati” italiani stanno telefonando a trasmissioni radiofoniche e/o scrivendo su forum e blog a proposito dello “sconcio” annuncio di una donazione di 100 milioni di €uro (o dollari, forse dollari) a favore della ricostruzione di Gaza.
Non so se queste prese di posizione siano dovute al fatto che la donazione è stata decisa dal Governo presieduto da Berlusconi o se è l’incombente crisi globale a far paura; comunque vorrei far presente a queste persone grette ed ignoranti che 100 milioni di €uro, fossero distribuiti agli italiani sarebbero pari a meno di 2 euro a testa, a distribuirli a tutti; 4 € se gli aventi diritto fossero metà della popolazione, 8€ se ad aver diritto fossero ¼, addirittura 16€ se gli aventi diritto fossero 1/8; 1/8 di 60.000.000 … cioè 7.500.000 di aventi diritto.
Certo che un disoccupato con ben 16 € … ci campa alla grande.

Crisi Finanziarie

Facciamo finta che questa è passata (anche grazie ai petro€uro libici) anche se passata non è (e qualche colpone di coda deve ancora arrivare); vogliamo scommettere su quale sarà la prossima? la prossima crisi che arriverà assolutamente inaspettata, inaspettata e imprevedibile come è stata quest’ultima?! (balle, magari era imprevedibile nelle dimensioni, ma i segnali erano li, visibilissimi).
io scommetto sul crack di centinaia di comuni che incautamente stanno giocando con i “derivati”, tanto ci sarà modo di dare la colpa al federalismo, all’amministrazine precedente, a destino cinico e baro, a tutti e chiunque salvo che alla stupidità (se non peggio) degli amministratori.
(non sono il solo a pensarla così, se ne volete sapere di più: Report)

saldi di fine stagione

i titoli dei giornali sembrano gli spot di una svendita in pelletteria (borse a picco, portafogli volanti, borsellini leggeri ….)

è vero che è il “sistema” ad essere marcio, è vero che non ci si può permettere di mandare a puttane tutto il sistema bancario-creditizio, è vero che i risparmi vanno tutelati … ma, spiegatemi una cosa, anzi facciamo due o tre:

– che significa “immettere liquidità a basso costo” se il “basso costo” vale per le banche e  per un prestitino mi applicano tassi spaventosi?

– i sub-prime non sono carta straccia, più corretto sarebbe “acquistare” le cartolarizzazioni al 50% (dico un valore a caso) del  valore nominale, la gente non perde la casa domattina e le banche ci perdono ma non falliscono

– con quale coraggio si chiede al contribuente medio di andare in soccorso di aziende che hanno macinato utili incredibili; di aziende che possono tranquillamente pagare stipendi milionari ai loro dirigenti …

quelli che vanno tutelati sono i poveri cristi impiccati da rate insostenibili, quelli che son costretti ad indebitarsi per pagare le spese scolastiche dei figli, quelli che pagano la spesa con la carta di credito perché non arrivano a fine mese. Lo so che sembra demagogia a basso costo, se volete ne parliamo e vi assicuro che di “socialismo reale” c’è molto poco, anzi è “liberismo” allo stato puro.

ingenuità 2

Le banche son cattive quando NON prestano i soldi ai “poveri”; perché il nostro è un sistema bancario distorto che da i soldi solo a chi li ha già.
Gli stessi personaggi che (giustamente) sparano a zero sul sistema bancario italiano … son quelli che oggi accusano il sistema creditizio americano d’aver prestato soldi a chi non li “meritava”.
Probabilmente è l’andare in TV che spinge a sparare cazzate.